ALESSIO ZAIO (3^C) con il suo corrisspondente francese THEO TOPIN