PROGETTO “AMBIENTIAMOCI”

PROGETTO “AMBIENTIAMOCI”- DALLA PROMOZIONE DI UNA CULTURA AMBIENTALE ALLA PROMOZIONE DELLA SALUTE.

Il 28 marzo ha avuto luogo presso l’Istituto Superiore “Benvenuto Cellini” di Valenza la conferenza “Ambientiamoci”, iniziativa promossa dal Rotary Club al fine di diffondere una corretta informazione in tema ambientale e focalizzare l’attenzione sull’impatto che questo può avere sul benessere e la salute degli esseri viventi.

Nell’incontro, oltre a sensibilizzare i giovani ad approfondire i temi ambientali, sono stati affrontati problemi che interessano i territori circostanti la città di Valenza, oggetto di ricerche specifiche, i cui risultati sono stati presentati ad importanti congressi internazionali e pubblicati su riviste con elevato fattore di impatto.

La conferenza ha avuto avvio con il contributo video della prof.ssa emerita Manuela Giovannetti, docente ordinaria di Microbiologia agraria presso l’Università di Pisa. Oggetto del video sono stati diversi argomenti, dalla relazione tra microrganismi e vegetali fino ai fattori che modulano il valore funzionale del cibo. Successivamente gli esperti Lorenzo Esposito, Alice Miretto, Giulia Camurani e Giulia Peruzzi, hanno illustrato alcuni approfondimenti tematici soffermandosi sulla bonifica e il monitoraggio dei siti inquinati, la qualità dell’acqua e dell’aria, nelle le quattro «sfere» che compongono il sistema Terra: litosfera, biosfera, atmosfera, idrosfera.

L’incontro è stato seguito da numerose classi dell’Istituto, in presenza e in diretta streaming, suscitando grande interesse tra gli studenti che, sotto la guida dei Docenti, sono impegnati in percorsi multidisciplinari.

A seguire gli interventi, la dirigente Barbara Stasi, il presidente del Rotary Club Valenza Gianni Forin e il tesoriere, nonché coordinatore del progetto, Alberto Peracchio.

« In questo momento di grande crisi umanitaria, come mai prima d’ora è importante sottolineare la necessita di investire su un presente che sia realmente sostenibile – commenta la Dirigente Barbara Stasi- educando i ragazzi affinché diventino agenti del cambiamento ».

Le parti interessate e coinvolte attivamente intendono dare continuità al progetto e consentirne una sua ulteriore diffusione, fornendo un apposito “Set formativo – Ambientiamoci” a supporto delle iniziative che la scuola vorrà avviare.